Storie che non sono molto diverse quando ci si sposta in Austria, a Villaco, vera e propria sex city nel cuore della cattolicissima annunci donna cagliari Carinzia, dove si trovano locali per tutti i gusti e per tutte le tasche: dalle guesthouse dove si può comprare sesso per.
Già da questo dato appare evidente che non si tratta di un bordello qualsiasi, ma del più grande che si sia mai visto in Carinzia.
Ma alla loro sicurezza chi ci pensa? .Pecunia non olet, diceva un nostro collega.Il, bar Oceano è ubicato nella zona industriale a Sud di, lugano.Arriviamo così al Wellcum, un centro benessere dove lavorano più di 100 prostitute.Ma non cè da temere per la concorrenza perché allesercito di quasi 200 ragazze i clienti non mancano.Sì, perché nella sola Svizzera italiana, fra appartamenti e locali a luci rosse, sono in attività 600 prostitute.Un mercato florido, al riparo da ogni crisi, che tutela clienti e prostitute.Autobus con partenza proprio di fronte alla stazione ferroviaria di Mestre e dopo poco meno di tre ore di viaggio si finisce in un club austriaco, passando per Villach.Si fanno molti soldi, ma io mi fermo a quattro o cinque clienti al giorno e non lavoro mai più di venti giorni al mese.A rendere piacevole il soggiorno dei clienti saranno ragazze, tutte o quasi dellEst, 140 in tutto, che opereranno nel.




Il resto, cioè la stragrande maggioranza, si prostituirebbe volontariamente sì, ma indotta da gravi necessità economiche.E un imprenditore del nord-est.Così, mentre in, italia il dibattito sulla regolamentazione del sex working non va oltre al generico riapriamo le case di tolleranza, oltre frontiera le cose vanno decisamente in maniera diversa.Ad arrivare ci si mette un attimo anche grazie al fatto che dal 1995 i controlli alla frontiera non ci sono più grazie alla convenzione di Schengen che permette la libera circolazione di merci e persone allinterno dei Paesi europei che ne fanno parte. .Il miracolo demografico sarà dovuto allinaugurazione di un nuovo super-bordello, che darà lavoro si fa per dire a oltre cento prostitute, fino ad un massimo di 140, secondo i piani dei finanziatori.Lui è il promotore del referendum per abrogare parte della Legge annunci girl cuneo Merlin, la normativa costo ford escort 1999 che regolamenta, si fa per dire, il commercio del sesso in Italia: Con le 400mila firme raccolte abbiamo sfiorato limpresa.Al netto delle tasse versate allo Stato e della pigione pagata al locale, lei riesce a mettersi in tasca quasi 5mila euro al mese, mentre le sue colleghe arrivano a guadagnare più del doppio.Con 147 camere per i clienti, 350 posti auto e «abbastanza spazio per rispettare le esigenze di privacy di ognuno così come era indicato nel progetto, il megastore del sesso, è stato concepito per accogliere «un migliaio di clienti al giorno».
Non solo, rientrando a tutti gli effetti nel settore economico terziario, le prestazioni sono soggette al fisco, con beneficio per lerario e per le casse del Comune.


[L_RANDNUM-10-999]