Ottima visuale, distanza invidiabile, spero solo che non piova, i giardinetti del paese non offrono riparo e la mia cerata non ha il cappuccio.
Per dire, a quello di Guccini.Però lo spettacolo lo vediamo tutto, e ne vale la pena: è un itinerario sesso bakeca roma nel centro storico del borgo, a farsi raccontare storie dai pezzi di una scacchiera, che detta così fa ridere la minchia, ma vi giuro che è bello: cè il re costretto.La porta si apre e un decrepito Ponchià viene a ripulire la carcassa buttata sul dondolo.Jirka (2.4.2005 21:10:48 to není žádný apríl, tak to asi skutečně je, ale není to až tak viditelné.Intorno a lui i suoi compagni di viaggio, più una signora fricchettona sui sessanta, che domanda a Michela se il suo amico stia meglio.Che Apricale ha degli alberghi, ma costano come lAngst di Bordighera, dove per passarci la notte devi chiamarti Ghella e avere uno specchio in camera.Si congeda ricordandoci che siamo più forti di quegli stronzi che cercano di farci paura, e mostra il dito medio al suo nemico immaginario.La mattina a colazione abbiamo tutti delle facce che sembriamo usciti dalla visione di Vincitore Del Premio Della Critica al festival locale: Ponchià è irritato per la sveglia notturna, Michela e Sara risentono dei danni della pedalata, e soprattutto la seconda non ha trovato.E gli è pure piacuto, mi ha toccato il culo!




Ponchià scende con aria bellicosa e si toglie i pantaloni.Però con le orate vado forte.Comunque il tuo spettacolo era orrendo.Percorre tutto il corridoio fra palco e transenne accompagnato da due giganti della security, stringe mani alle prime file, e tutti và che culo quelli lì!La stessa che mi mettono i racconti di Carver.Ma il festival comincia la settimana prossima.Lanziano bavoso smette di parlare, e la stanza si riempie dei suoni emessi dalla consolle.Può capitare di trovarsi nei paraggi insieme a un gruppo di persone, e che una di queste stia recando con sè un certo quantitativo di sostanze psicotrope nascoste, poniamo, nel reggiseno.Mi-tap Comincia così, con me e il mio donna cerca uomo a senigallia sacchetto di brasadè che veniamo introdotti al quartetto già presente, ci stringiamo la mano, parlottiamo del più e del meno e aspettiamo che arrivi altra gente.
Mi prendo un gelato, lei mi dice sono i miei gusti preferiti!, io mi sciolgo.
Sara, che è appena tornata dalle ferie serie tira fuori dal suo zaino una confezione di Sigari les 3 piliers du développement durable en anglais Cubani Fatti Dal Vero Contadino Cubano e gliene fa dono.


[L_RANDNUM-10-999]