legge contro i bordelli

A Tirano, furono uccisi 26 militi della RSI.
Firmata la resa, da parte dei comandanti colonnello Baccarani e maggiore Ansaloni, si era provveduto alla cerco sesso a catania consegna delle armi in dotazione ai reparti e concentrati i militari, graduati ed ufficiali presso i locali del Collegio Brandolin, i componenti del CLN stavano predisponendo i salvacondotti,.
Può Interessarti: carne DI cane, che male cè a mangiarla?
Ricordiamo quello accaduto al Colle di Cadibona, dove 38 militi, provenienti da Alessandria, ed in attesa di processo, furono fatti scendere dagli autocarri e tutti ammazzati.L'esercizio della prostituzione, se da un lato è stato sempre giudicato riprovevole all'interno di quasi tutti i contesti politici e religiosi, dall'altro veniva di fatto tollerato nella consapevolezza del ruolo che rivestiva nell'ambito sociale.Trasmessa dal comando della 1Div.Giancarlo Fusco, Quando l'Italia tollerava, Nanni Canesi Editore, Roma, 1965,. .L'episodio più terrificante della spietata lotta partigiana, fu l'assassinio dei sette fratelli sera dell in una casa colonica della campagna bolognese, presso Argelato, un gruppo di partigiani, in maggioranza comunisti, seviziò orribilmente e strangolò, ad una ad una, diciassette persone, e sette di queste appartenevano.A Roma la prostituzione sacra era talmente biasimata che alcuni scrittori se ne servono come pretesto per denigrare Cartagine dove, a quanto sembra, le giovanette si prostituivano temporaneamente nel tempio di Tanit (una Dea equivalente alla fenicia Astarte e alla greca Afrodite) per farsi.Non trovando in casa l'impiegato Alberto Pittaluga, i partigiani prelevarono la sorella, il cui cadavere non venne più ritrovato.Notissima la strage di Schio.Invano, donne del posto implorarono pietà per quei giovanissimi.Eccidio di Castione:nella notte del 3 maggio, fu massacrato un gruppo di ufficiali prelevati a Sondrio:Ecco i nomi:Cesare Bedognè, Leonardo Bini, Corrado Brozzi, Tommaso di Martino;Vittorio Frati;Ernesto Luzzi;Angelo Mattei;Adolfo Morelli;Giorgio Merigo;Cesare Nicchiarelli;Enrico di Poggio;Domenico Guerrazzi.Eccidio di Ardenno:nella notte del 5 maggio, vennero trucidati i seguenti ufficiali, prelevati nelle carceri di Sondrio:Enzo Barbini, Giuseppe Cinieri, Pio Cimetta, Brunetto Chiaramonti, Marino Galli, Albizzo Girì, Marco Melloni eCarlo Pasini.Questa strage riguardò i seguenti partigiani:Bernardi Angelo, Bernardi Giovanni, Tomio Giovanni, Grava Giuseppe, Piol Vittorio, Chiarel Angelo.Stalla, covile i lupanaria (ricettacoli delle lupe, ossia le prostitute di più bassa estrazione) e i postribula - luogo in cui ci si offre.Autonoma Val Chisone sul trattamento da usare verso i soldati della.S.I.Nella moderna lingua italiana sia bordello sia casino hanno via via sempre più assunto connotazione altamente triviale, parole pertanto sostituite dalle persone più raffinate con espressioni come casa di tolleranza o casa di piacere.
E con i volti ano le ore 0,15 del 7 luglio.
Non è libertà, non è civiltà, che delle donne vengano allineate e colpite al ventre con raffiche di mitra a bruciapelo.




Una discussione, nell'atrio del carcere, si accese.Sophie Bobbé, L'Ours et le Loup : essai d'anthropologie symbolique, Parigi,.Di queste stragi, fa anche fede uno scampato allo scempio, il brigadiere Corbelli, che comparve nel 1992 alla trasmissione di Sgarbi Sgarbi"diani, che per tre puntate si occupò dei fatti di Codevigo.Andate via le forze germaniche e quelle della RSI, iniziarono ad insediarsi i "trubunali del popolo".Caddero così, sotto i mitra dei partigiani, Andrea Capponi, Francesco Lupi, Raffaello Pinoschi, Gualtiero Seghezza, Abele Colombo, Giovannio Arena, Domenico Romitti, Luigi Boarini, Natale Carezzano, Giovambattista Comotto, Augusto Gatti, Mario.La sera del 1 maggio, una ventina di partigiani con a capo Lorenzon Silvio, prelevarono 24 detenuti dalle carceri, che, assieme ad altri 80 militi del Battaglione "Bologna" e "Romagna vennero caricati su due camion, fatti scendere nei pressi del fiume Piave, in località Priula.E uscita la terza edizione del libro L ultimo saluto sulla strage dei 43 militi della Legione Tagliamento trucidati a Rovetta il isponibile sul sito: m/home, in memoria di Gregorio Misciattelli Bernardini, fondatore e primo Presidente della Associazione Reduci della 1 Legione d Assalto.Gli aguzzini, si preoccuparono di rendere i deceduti irriconoscibili, sfracellando loro i volti, e a volte segandone in due i corpi (ne fanno fede delle fotografie scattate successivamente ai ritrovamenti da un dottore del luogo e che compaiono in un libro del giornalista Gianfranco Stella.
Ecco i nomi di quegli sventurati, tutti giovanissimi, a significare l'odio politico che li distrusse, perchè i partigiani del PCI non agivano come leali soldati, ligi alle leggi militari, ma come sicari di un partito, che intendeva eliminare futuri avversari politici, tanto più se giovani.
Col sopraggiungere del cristianesimo, l'istituzione cittadina del bordello scompare per almeno un millennio.



All'interno la struttura seguiva un ordine consolidato, un ampio salone poco dopo l'ingresso permetteva di "scegliere appoggiata al muro la cassa dove si riscuotevano le marchette, infine le scale che portavano alle camere: Federico Fellini nel suo film Roma ne fa una descrizione accurata.
I giudici, applicarono la legge fatta promulgare nel 1946 dall'allora ministro della giustizia Palmiro Togliatti, per cui, per i reati compiuti fino a 14 mesi dopo la fine della guerra, valeva il movente politico, e quindi i reati erano non punibili.


[L_RANDNUM-10-999]