Prostitute al lavoro lungo il vialone di Marinella.
Sarzana - Se ne sono accorti anche sindaco e assessori sarzanesi rientrando da unassemblea del turbolento quartiere di Bettola.
È una questione di sicurezza: la vigilanza delle restaurant le troie colmar forze dellordine è sempre più intensa nonostante la scarsità delle risorse e dei mezzi per assicurarsi che nessuna delle ragazze sfruttate, schiavizzate, ridotte a vendersi per un tozzo di pane subisca anche soprusi di ordine fisico.La trasferta di Chiavari ci dimostra che ogni partita è una battaglia, una altalena di situazioni dove tutto è possibile, dove niente è scontato.Per questo due uomini, di 27 e 49 anni, entrambi cittadini ungheresi, sono stati fermati ieri dai carabinieri su ordini del.Non solo ungheresi, ma anche romene, con una forte concentrazione di nigeriane, localizzate tra la rotatoria-bivio di Marinella con lo stesso, viale XXV April e e la prosecuzione verso, fiumaretta.Le ragazze, in tutto una decina quelle coinvolte nei traffici illeciti, erano rintracciate nel loro Paese dorigine, accompagnate in aereo in Italia, quindi sistemate in alberghi e appartamenti in provincia di Massa Carrara, ma obbligate a fornire prestazioni sessuali sul litorale spezzino e in particolare.
È il loro unico punto debole.
Le indagini hanno chiarito che i due magiari agivano in accordo, ma controllavano due distinti gruppi di lucciole, rispettando una rigida spartizione del territorio e concordando i prezzi per ogni incontro, così da non farsi concorrenza.




Dammi il tuo pin.Nella zona di Battirello, una volta regno della famosa prostituta che agiva in perfetta solitudine, attendendo a bordo strada il cliente, dotata di auto decapottabile, ci sono le africane.Sul taccuino del cronista e degli stessi amministratori - nella notte tra il 22 e il 23 maggio tra la svolta lato Beatini (per intenderci) e lincrocio per via il caso è chiuso testo laura pausini Ronzano, sono state contate 15 prostitute.Tanta buona volontà, tanto impegno, ma al momento di buttarlo dentro non c'era proprio verso.Il matrimonio, con buona pace di tutti, è fatto di compromessi.Questo nuovo insediamento ha rilanciato la presenza transgender nel Sarzanese dopo che negli ultimi anni cera stato un lento abbandono del posto di lavoro.Per il momento comunque, lasciamo Chiavari con un bel punticino, preso in un campo insidioso e complicato per chiunque, consapevoli che i veri problemi, come vi ho anticipato nelle premesse, sono ben altri.A confermare la tendenza, in via strettamente confidenziale ci sono polizia e carabinieri, che quasi"dianamente pescano il cliente di turno, poi implorante affinché sia tenuta la bocca chiusa, perché la moglie non deve sapere.Una terza donna, pure lei sospettata di sfruttamento, è sotto inchiesta ma non è stata ancora identificata.Luca Tronconi, riproduzione riservata Elenco Post.Esattamente quattro venerdì fa, dallappena inaugurato ponte sul Parmignola alla fine del vialone, tornando da Marina di Carrara, cerano addirittura 24 ragazze pronte a vendere il loro corpo.
«Per me è stata una scoperta in tutto e per tutto, peraltro, se devo essere sincero, anche piacevole: sono brave, dolci e riservate ammette un altro professionista sarzanese entrato nel giro.

Tu mi lasci andare in trasferta e io, animato da un profondo spirito di gratitudine, ti reggerò la scala mentre sistemi la corda delle tapparelle.
Come spesso accade, ti accorgi di quanto una cosa sia importante solo quando la perdi.


[L_RANDNUM-10-999]